Il workshop “informazione libera” affronterà la tematica del rapporto tra stampa e politica da diversi punti di vista, costruendo un confronto che partirà dalle diverse esperienze specifiche dei relatori e ruoterà attorno alle keyword “libertà” e “notizia” sotto un profilo teorico e pratico.

 

Si partirà dal punto di vista giornalistico, quello dell’ex direttore dell’Unità Peppino Caldarola che, partendo dalla sua esperienza alla guida del giornale, rifletterà sul rapporto tra politica e informazione. Dal lato opposto ci sarà Jacopo Tondelli che affronterà lo stesso tema ma partendo da un’esperienza giornalistica diversa, quella degli Stati Generali. Tondelli spiegherà delle nuove forme di business digitale per fare informazione e del trade off tra la libertà dall’editore e quella dai lettori.

 

Per approfondire il tema caldo del rapporto tra informazione e politica, focalizzandosi sui passaggi caldi dell’attività “sul campo”, Paola Giudiceandrea porterà delle esperienze relative all’ufficio stampa in campagna elettorale.

 

Infine la Prof.ssa Montevecchi porterà il suo punto di vista filosofico che abbraccerà tutti i temi toccati fino a quel momento. La riflessione riguarderà il rapporto vitale fra sapere e politica e più precisamente la funzione dell’intervento intellettuale gratuito, vale a dire non vincolato ai modelli di pensiero e di comportamento standardizzati, che caratterizzano sempre di più la comunicazione pubblica e politica. Modelli paradossalmente rinvigoriti dalla moltiplicazione dei mezzi di informazione al punto che persino il disaccordo o la critica sembrano rientrare in un copione ripetitivo e noioso.

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *